Trasporto di lavoratori nelle campagne in “Minivan”

0
20 views

Il caporalato un tema delicato che ogni giorno tocca le cronache del meridione, difficile da affrontare e regolare. Ma il prefetto di Foggia Grassi, in collaborazione con la regione Puglia ci vuole provare per far si che certe attività illecite vengano sventate ed ogni persona abbia il riconoscimento dei propri diritti sociali e lavorativi. Così che nella giornata di ieri, in prefettura si è tenuta una riunione organizzata dallo stesso Prefetto , che ha portato al Tavolo Permanente  esponenti della regione Puglia, della Provincia di Foggia , dell’Agenzia Regionale delle politiche attive del lavoro e rappresentanti delle organizzazioni datoriali e sindacali del settore agricolo, per trovare una soluzione risolutiva, su un nuovo progetto che va ad agevolare le aziende in modo da non poter approfittare più di manodopera illecita. Un’incontro basato sull’affidamento ad associazioni del terzo settore di un servizio di noleggio di “minivan” per il trasporto dei lavoratori presso le aziende agricole che assumeranno manodopera con regolari rapporti di lavoro. I partecipanti alla riunione hanno cosi stabilito che il predetto servizio, sarà incrementato da risorse regionali, già assegnate alla Provincia di Foggia e avrà come punti di partenza la foresteria regionale presso “l’azienda Fortore”in via san severo e le località di Torretta Antonacci nel medesimo comune di Borgo Mezzanone. Il riscontro delle organizzazioni sindacali è di fornire massima informazione e sensibilizzazione fra i propri associati ,sul nuovo servizio per sostenere l’utilizzo e lo sviluppo di iniziative analoghe e complementari attraverso l’ente bilaterale C.I.A.L.A. E.B.A.T. Insomma l’inizio di una buona azione, per cercare di dare una svolta ad uno sfruttamento che nonostante lo sviluppo del diritto del lavoro è emerso ancor di più con i continui flussi migratori che coinvolgono il nostro paese, diventando una vera e propria criminalità organizzata.
Angelica D’Andola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui