Agricoltura nelle mani industriali della mafia

0
57 views

Una capitanata dove l’estorsione è al vertice della criminalità organizzata, nel mirino del malaffare coinvolti ancora una volta, proprietari di fondi agricoli sui quali la mafia vuole aggiudicarsi  il primo posto. Metodi arroganti ed intimidatori per intimorire il proprietario del fondo, imponendo il proprio operato al doppio del prezzo spettante. E’ quanto accaduto in località  “Matine”, zona rurale a pochi km dal centro di San Giovanni Rotondo,grazie a delle indagini precedute da intercettazioni effettuate dai carabinieri del posto a partite dall’ Ottobre scorso, hanno portato a scoprire atti intimidatori e clima di terrore provocati da Impagliatelli Lazzaro  40enne del luogo,  già con precedenti penali.“ Con l’estorsione non si scherza!Possibile che io devo avere paura di questo!? Il problema è che ho paura per i miei figli” parole confidate ai propri familiari e che hanno allertato l’attenzione dei militari ,  apprendendo il panico senza via d’uscita dell’imprenditore e che a volte come altri imprenditori sono costretti a cedere.L’immediato intervento delle forze dell’ordine ha portato in carcere il 40enne con l’accusa di reato di estorsione.

Angelica D’Andola

 

 

AGRICOLTURA, NELLE MANI INDUSTRIALI DELLA MAFIA

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui