COLDIRETTI PUGLIA, ATTIVI 47 ROGHI IN PUGLIA; SUBITO RICOGNIZIONE DANNI E AIUTI AD AZIENDE COLPITE

20
159 views

Caldo e piromani spingono gli incendi in Puglia dove al momento sono 47 i roghi attivi, di cui 22 in provincia di Foggia, 5 in Salento, 4 in provincia di Bari, 3 nel tarantino e 3 in provincia di Brindisi. E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Puglia, sulla base della mappa attiva del fuoco Geamap, servizio offerto e prodotto dalla NASA dai dati raccolti dai satelliti.

“È urgentissimo che la Regione Puglia, in stretto coordinamento con il Ministero delle politiche agricole, provveda a una ricognizione dei danni e all’individuazione delle aree colpite con il ristoro delle perdite subite dagli agricoltori e dagli allevatori che in molti casi rischiano di non poter proseguire la loro attività, anche per mancanza di liquidità”, afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Per quanto riguarda il patrimonio boschivo – continua Coldiretti Puglia – servono interventi massicci, attuabili anche con i fondi del PNRR, così come è fortemente auspicabile l’attivazione immediata delle misure previste dal Psr (Piani di sviluppo rurale) regionale. Considerato che 6 roghi su 10 sono di origine dolosa, contro le speculazioni sull’uso dei terreni distrutti dalle fiamme, secondo la Coldiretti è fondamentale inasprire ulteriormente le disposizioni dell’articolo 10 della legge 353/2000, portando da 15 a 20 anni il divieto di cambio di destinazione d’uso delle aree boschive e dei pascoli percorsi dal fuoco, estendendo tale norma anche ai terreni agricoli.

Inoltre è rilevante l’impatto economico degli incendi con un costo economico per la collettività che supera – afferma la Coldiretti regionale – i diecimila euro a ettaro dai costi immediati per le operazioni di spegnimento e ai danni su flora e fauna, attività agricole, ambiente e biodiversità ai quali vanno aggiunti quelli a lungo termine per la bonifica delle aree e per far rinascere tutto l’ecosistema forestale e tutte le attività umane tradizionali, dalla raccolta della legna a quella dei tartufi e dei piccoli frutti, dai ricerca dei funghi all’ecoturismo. Infatti per ricostruire tutto l’ecosistema del bosco e ripristinare le attività tradizionali – ricorda Coldiretti – ci vogliono in media 15 anni.

Per difendere il bosco italiano – continua la Coldiretti – occorre creare le condizioni economiche e sociali affinché si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di vigilanza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli, anche nei confronti delle azioni criminali.

20 Commenti

  1. Howdy just wanted to give you a quick heads up. The text in your content
    seem to be running off the screen in Opera. I’m not sure if
    this is a formatting issue or something to do with internet browser compatibility but I figured I’d
    post to let you know. The style and design look great though!
    Hope you get the problem resolved soon. Cheers

  2. Superb blog! Do you have any suggestions for aspiring writers?
    I’m planning to start my own blog soon but I’m a little lost on everything.
    Would you propose starting with a free platform like WordPress or go for a paid option?
    There are so many choices out there that I’m completely overwhelmed ..
    Any ideas? Many thanks!

  3. I’m not that much of a internet reader to be honest but your sites really nice, keep it
    up! I’ll go ahead and bookmark your website to come back
    later on. All the best

  4. Hello, I think your blog might be having browser compatibility issues.
    When I look at your website in Opera, it looks fine but when opening in Internet Explorer,
    it has some overlapping. I just wanted to give you a quick
    heads up! Other then that, awesome blog!

  5. Hello there! This post could not be written any better!
    Reading through this post reminds me of my
    previous room mate! He always kept chatting about this. I will forward this page to him.
    Pretty sure he will have a good read. Thanks for sharing!

  6. Hello this is somewhat of off topic but I was wanting to know if blogs use WYSIWYG
    editors or if you have to manually code with HTML.
    I’m starting a blog soon but have no coding knowledge so I
    wanted to get guidance from someone with experience.

    Any help would be enormously appreciated!

  7. Can I simply say what a comfort to find an individual
    who genuinely knows what they are talking about over the internet.
    You actually understand how to bring an issue to light and
    make it important. More people must check this out and understand this side of the story.
    It’s surprising you’re not more popular given that you definitely have the gift.
    cheap flights http://1704milesapart.tumblr.com/ cheap flights

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui