Truffa on line per un cittadino di Lucera

0
25 views

Dopo aver pagato e ricevuto fattura, la merce non è arrivata. Inizia così la truffa on line di un acquisto non andato a buon fine. La vittima, dopo aver scelto un motore per la sua auto su un sito di una ditta di ricambi ha versato la somma di 900 euro sull ‘iban fornito dal presunto titolare della ditta medesima,prendendo accordi sia telefonicamente che tramite whatsapp per il versamento del denaro e la consegna del bene mai giunto a destinazione. Il  mal capitato in cerca di spiegazioni insiste nel contattare il finto titolare, ma non riceve più risposta ed è a questo punto che realizza di essere stato vittima di un raggiro. Denuncia i fatti alla polizia del comune di Lucera,dove egli stesso abita .A seguito delle indagini condotte dagli agenti è emersa la conferma di una truffa e l’inesistenza della ditta accertando inoltre che le utenze telefoniche utilizzate per la trattativa risultavano intestate a inesistenti e irreperibili cittadini  stranieri. Mentre da accertamenti sull’iban fornito al denunciante per effettuare il versamento, risultava essere collegato ad una carta postepay, intestata ad un cittadino della provincia di Napoli, il quale è risultato già sottoposto a numerosi precedenti per reati della stessa specie e addirittura per truffe perpetrate con il medesimo iban fornito alla vittima in questione. Il truffatore è stato denunciato nuovamente alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli. 

Angelica D’Andola 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui