Videosorveglianza in città

0
12 views

Con la delibera di Giunta 97/2020, l’amministrazione comunale di Foggia ha dato seguito al Patto per per la sicurezza urbana che prevede l’installazione di ulteriori sistemi di videosorveglianza in città. Nel giugno del 2018, infatti, Palazzo di Città ha già stipulato un accordo con il Ministero dell’Interno che ha previsto l’installazione di telecamere di sicurezza attraverso un progetto cofinanziato tra Governo e Comune di Foggia, che attualmente è in fase di realizzazione.
Attraverso i fondi messi a disposizione nel decreto ministeriale 27/2020, il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha sottoscritto in Prefettura un nuovo Patto per la sicurezza urbana grazie ad ulteriori fondi ministeriali che dovranno essere accompagnati da una quota comunale, per rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio.
“Di concreto con la Prefettura, intendiamo adottare delle strategie volte contrastare ogni forma di illegalità e a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini – spiega il primo cittadino del capoluogo dauno, Franco Landella -. Si tratta di progetti che intervengono in materia di sicurezza urbana attraverso azioni volte alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria e alla promozione del rispetto del decoro urbano. Con il Prefetto Raffaele Grassi abbiamo convenuto di potenziare i sistemi di videosorveglianza comunale in alcune zone della città come i plessi scolastici e istituzionali, gli insediamenti di cittadini stranieri senza fissa dimora, nei pressi dei locali notturni e contrastare fenomeni di abusivismo commerciale e occupazioni abusive”.
Le aree oggetto di intervento sono il Parco della memoria di viale Giotto, viale Fortore, via Guglielmi, corso del Mezzogiorno, viale Ofanto, via Sbano, via Gramsci, piazza Anna De Lauro Matera, via Gandhi, via Einaudi, via Gioberti, via Cammeo, via Camporeale, via Napoli, via Nadi, via Rovelli, via La Torre, via De Mita, via San Severo, via Forcella, via Sprecacenere, via Manfredonia, via D’Aragona, viale degli Artigiani, via delle Casermette, via Matteotti e via Tugini.
I sistemi di videosorveglianza, elaborati nel rispetto delle disposizioni dell’Autorità Garante per il trattamento dei dati personali, saranno oggetto di valutazione da parte del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per le modalità di impiego e per gli aspetti tecnici e operativi.
Comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui